Quanno te vojio bbene io te vojio  bbene tutto: Felice Sereno Triste Depresso Ingiusto Egoista Generoso O du pinze e ‘na tenajia Quanno te vojio bbene io vojio bbene a tutto A quella Santa Donna de tu madre, a quer brav’òmo de tu padre Ai tu fratelli a tu sorella, a l’amichi tua più cari A tu mojie – soprattutto a llei – e puro a tu marito si ce l’hai… e perché no? Ai tu fiji e a li nipoti Ar cane e ar gatto tuo e puro alla tartaruga e ar pesce rosso A quer  ramo che entra drento a la finestra de camera tua, a quell’arbero de cerase che ci hai là drento ar giardino Ar pizzicarolo ‘ndo fai la spesa, all’album de foto che te piace, ar segno zodiacale A li pedalini tua bianchi e corti e alla puzza tua de piedi All’odore che ci hai che nun me scordo…… a le mano all’occhi belli a la curva de le spalle, ar soriso e a li capelli E quanno te vojio bbene io a te te do tutto Casa mia, er letto, le lenzola belle e fresche, puro le fette biscottate te do, piene de buro e marmellata Te do l’acqua, la bira, er vino mio, er tè alla menta che a me me piace tanto Te do er lavoro mio, che lo vòi? Er sentimento te do, l’amore, la comprenzione, quer po’ de core che m’è rimasto intero… Quanno te vojio bbene io te do tutto e io pe’ mme nun vojio gnente: io te do tutto a gratis Tranne er dolore mio e er male che me fai Quello, amore caro e bello, no: Quello se paga

E.Malantrucco